Come restaurare un baule antico?

come-restaurare-un-baule-antico

Nei secoli passati non c’era oggetto più utile e valido del baule. Questo contenitore permetteva di ordinare vestiti e oggetti per impedire che questi potessero sporcarsi o andare persi. Nei casi più particolari, poteva contenere anche valori di diverso genere. Negli ultimi anni molte persone si chiedono come restaurare un baule antico per integrarlo al meglio nella propria abitazione, ispirandosi alle tendenze del riuso e del design.

Il loro fascino spinge molti appassionati a dotarsi di bauli di ogni tipo da esporre o addirittura da utilizzare come elemento di grande tendenza: non sono pochi quelli che si destreggiano nei luoghi più disparati per trovare dei modelli rari. Tuttavia, la loro età può portare alla presenza o alla comparsa di imperfezioni e rotture che, fortunatamente, si possono restaurare: scopriamo come.

Dove trovare un baule antico

Anche se l’immagine del baule pieno di dobloni d’oro della tradizione cinematografica hollywoodiana risulta un po’ esagerata, è innegabile riconoscere come i bauli siano stati una parte integrante di ogni cultura dal Medioevo fino alla contemporaneità.

La prima cosa da fare è comprare un baule antico autentico. Ci possiamo rivolgere a tutti quei mercatini che si tengono all’aperto o al chiuso dove si trovano cimeli di persone differenti, dal privato che vuole liberarsi dei cimeli di famiglia al negozio che desidera espandere la sua clientela. Magari non si troveranno molti bauli, ma è comunque un buon posto dove iniziare.

Altrimenti, si può andare direttamente al negozio di antiquariato e chiedere se sono presenti degli esemplari interessanti di bauli antichi. Qui di solito si trovano pezzi di maggiore pregio e con degli esperti che potranno aiutarti per un eventuale restauro.

Per chi desidera dei pezzi davvero unici, infine, si può dirigere in una casa d’aste, dove ogni giorno passano centinaia di oggetti di antiquariato che quasi sicuramente comprendono anche dei bauli di pregio. Non fermatevi alla prima difficoltà, ma continuate a cercare!

Come restaurare un vecchio baule

Una volta che avete acquistato un esemplare di vostro interesse potrete prepararvi a ripararlo con il fai da te. Quindi, come restaurare un baule antico? Ci sono diversi tipi di intervento che si possono attuare su un elemento di questo tipo, per esempio:

  • Sostituzioni: nel tempo il baule potrebbe aver perso interi pezzi, oppure le diverse parti si sono degradate in maniera differente e, per esempio, le giunture in ferro si sono arrugginite e mancano mentre il legno è ancora in buone condizioni. In questo caso ci si può adoperare per effettuare una sostituzione, magari cercando “ricambi originali” della stessa epoca, o addirittura, di un modello simile.
  • Consolidamenti: quando il danno non è tanto grave da richiedere una sostituzione è possibile, invece, limitarsi a un consolidamento. Cosa vuol dire? Si tratta di un intervento dove si interviene in minima parte per assicurarsi di rende più stabile tutto il sistema. Per esempio, inserendo una piccola scheggia di legno per coprire un buco, oppure applicando del collante tra una giuntura e l’altra o per tenere solidamente insieme due assi.
  • Verniciatura e decorazione: per terminare le azioni precedenti o nel caso il baule non sia particolarmente danneggiato è possibile anche limitarsi ad applicare delle vernici o nuove decorazioni. Sul legno un leggero strato di vernice trasparente antiumidità può rivelarsi una scelta oculata soprattutto se l’oggetto deve stare in un ambiente umido, oppure se si vuole cambiare colore è possibile optare per una tinta differente.

Per quanto riguarda la decorazione, invece, si può procedere in due modi: se è già presente ma è rovinata si può decidere di integrarla con della nuova vernice, oppure se si ha in mente uno schema decorativo differente si può, addirittura, intervenire realizzando un motivo completamente nuovo.

Il découpage, una tecnica dalle mille possibilità

C’è un altro modo per restaurare un baule antico e dargli un tocco in più. Stiamo parlando del découpage, ovvero l’applicazione di decori in carta tramite l’applicazione di colla. Si tratta di una procedura che negli ultimi anni si è rivelata molto popolare in quanto permette di cambiare l’aspetto di un mobile in poco tempo e con minima spesa. Ovviamente questo tipo di operazione non può essere effettuata su un baule di valore, ma soltanto su dei mobili antichi economici dal valore molto basso.

Potete scegliere fra diversi tipi di fantasie, da quelle geometriche a disegni elaborati che si riferiscono alla natura: avrete l’occasione di sbizzarrirvi secondo il vostri gusto personale. Nel caso non vi sia più congeniale, è molto semplice rimuovere tutto e cominciare da capo: in questo modo sfrutterete il baule antico anche in futuro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

× Salve! Come posso esserle utile?