Grammofoni antichi in case moderne

grammofoni antichi

I grammofoni antichi nacquero nella seconda metà del 1800, quando l’incredibile velocità conosciuta dallo sviluppo dell’ingegneria portò diversi esperti a interrogarsi sulla possibilità di riprodurre in un semplice gesto la musica, componente indispensabile della vita di ogni individuo dal nobile al borghese, fino ad arrivare al semplice lavoratore.

Edison sembrò risolvere in parte il problema brevettando il fonografo, ma presto l’utilizzo dei cilindri per riprodurre il suono si mostrò insufficiente: così, nel 1887 Emile Berliner ideò il grammofono, che riusciva a leggere dischi (all’epoca in gommalacca) incisi da entrambi i lati e capaci di contenere più brani. Da lì in poi la musica è entrata nelle case degli estimatori, ma non solo: si crearono delle macchine finemente decorate che permisero di aggiungere accenti di pregio in ogni tipo di abitazione.

I grammofoni antichi al giorno d’oggi vengono visti più come un elemento decorativo che come un vero e proprio pezzo di storia. Questo perché molti sono convinti che mal si abbinino allo stile contemporaneo e che siano troppo ingombranti e difficoltosi da esporre: tuttavia, questa è una convenzione sbagliata e, anzi, questo splendido strumento è perfetto da installare in ogni ambiente per donare carattere a qualsiasi spazio, anche quelli dove regna un’estetica di design: ecco 4 consigli pratici per abbinare un grammofono antico all’arredamento moderno.

La bellezza dell’estetica scandinava

Nell’arredamento moderno una delle tendenze più popolari arriva dalla penisola scandinava, dove dalla metà del XX secolo ha preso piede uno stile minimal dove si privilegiano le linee pulite e la funzionalità. Questo ha influenzato i produttori di mobili in tutto il mondo e ancora adesso non è difficile trovare case o stanze arredate con elementi in legno chiaro con accenti in colori pastello come giallo, azzurro e verde.

È possibile abbinare grammofoni antichi od oggetti vintage a quest’estetica così particolare, figlia del nostro tempo? Sì, anzi: è un must! La presenza di un elemento di antiquariato apparentemente così diverso dal resto dell’atmosfera non crea un disaccordo, ma funge anzi da centro d’unione per evidenziare i pregi della modernità nord europea. Inoltre, è un ottimo modo per donare calore a questo tipo di arredamento che, se abusato, rischia di creare una sensazione di freddezza e sterilità.

Grammofoni antichi e stile british: una scelta vincente

Chi ama le atmosfere inglesi e lo stile moderno, ma non vuole rinunciare a quel tocco di raffinatezza in più non può non acquistare un grammofono, oggetto antico che appare spesso nelle case signorili britanniche. La tendenza british si presta particolarmente bene ad accomodare un oggetto di questo tipo in quanto, anche nelle sue declinazioni contemporanee dal gusto industriale, non può fare a meno di qualcosa che riporti ai dandy e alle serate passate in società.

Per capire il fascino di questo accostamento basta immaginare un camino che si trovi di fronte una o più poltrone chesterfield nelle vicinanze di un tavolo e un grammofono, ed ecco il perfetto angolo di lettura o, se lo strumento funziona, un luogo unico e particolare dove regalarsi qualche ora di musica.

Arredamento boho e grammofono antico

Chi pensa che il grammofono o l’antiquariato in generale sia una cosa adatta solo per ambienti rigidi e informali si sbaglia di grosso: è possibile anche accostare la corrente antica con le sfumature bohemien tipiche dell’arredamento contemporaneo; ancora meglio se si tratta di oggetti realizzati con materiali riciclati a basso impatto ecologico o mobili restaurati.

Un grammofono decorato potrà fare un’ottima figura vicino a mobili artigianali dal gusto esotico proprio per la sua particolarità, soprattutto se mostra delle fantasie a fiori: l’azionamento a manovella, inoltre, non farà che aggiungere del fascino a chi desidera concentrarsi su uno stile di vita più lento e rilassato.

Eclettismo e grammofoni per non sbagliare mai

Se nessuno degli accostamenti che vi abbiamo proposto nei paragrafi precedenti vi convince, oppure non avete intenzione di adottare uno stile uniforme, niente paura: i grammofoni antichi possono diventare parte integrante della casa anche quando l’arredamento è più eclettico. Questo stesso strumento, dopotutto, si è sviluppato fra XIX e XX secolo, un periodo dove l’innovazione tecnica, l’imperialismo e il costante dinamismo della vita moderna stavano già cominciando a dare vita a nuovi stili che non potevano essere inquadrati in nessun canone esistente.

In particolare, il grammofono si abbina bene anche a oggetti di antiquariato orientale come sculture, piatti o stampe, oppure a elementi che ricordano i viaggi sul mare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

× Salve! Come posso esserle utile?